Mascheratura: nastri e segreti per la verniciatura

Scopri tutti i segreti della mascheratura: le tipologie di nastro più adatte al lavoro da svolgere e le modalità d’uso più efficaci.


Mascheratura: usare i nastri per imbiancare in modo perfetto

Come mettere il nastro per imbiancare le superfici


Quando ci troviamo di fronte alla necessità di imbiancare casa, che si tratti di interni o di esterni se vogliamo ottenere un lavoro preciso e pulito è necessario imparare a padroneggiare le tecniche di mascheratura. Partendo dalle basi, scopriamo a cosa serve il nastro per la mascheratura e quale nastro di carta è il più adatto alle nostre esigenze in base alla tipologia: da interni o da esterni, delicato, curvabile, di precisione e molti altri. Infine, ci concentreremo sui metodi migliori per utilizzare i nastri da mascheratura, in particolare ai metodi e modalità di applicazione e rimozione. Scopriamo quindi tutti i segreti per realizzare una verniciatura perfetta. 
 

MASCHERATURA: COS’È E PERCHE’ È IMPORTANTE PER UNA VERNICIATURA PERFETTA

La mascheratura è la fase di protezione di tutte le superfici che precede la verniciatura. Il nastro adesivo di carta o scotch di carta è il nastro per mascheratura, utilizzato sia dagli amanti del fai da te, sia dagli imbianchini e altri esperti di edilizia durante la tinteggiatura delle superfici. Lo scotch di carta, in particolare, ha delle caratteristiche ideali per proteggere superfici delicate e ottenere delle rifiniture senza sbavature: 

  • la superficie adesiva è facilmente rimovibile e non rovina il materiale su cui viene applicato;
  • il materiale in carta o gomma naturale si adatta alla forma di ogni superficie;
  • è facile sia da applicare, sia da rimuovere.


Ricoprire angoli, battiscopa, porte, serramenti o prese elettrice durante la verniciatura delle pareti è fondamentale per evitare imperfezioni, e il nastro per mascheratura serve proprio per protegge i bordi e tutte le aree che non si desidera tinteggiare. Gli altri nastri, infatti, risultano più aggressivi e meno flessibili, adattandosi con difficoltà alle superfici. I nastri per mascheratura Norton, di contro, sono creati appositamente per adattarsi a tutte le superfici e resistere anche alle alte temperature, ma come scegliere quello più adatto alle nostre necessità?


NASTRI PER MASCHERATURA: TIPOLOGIE E COME SCEGLIERLI

Esistono diverse tipologie di nastri per la mascheratura, proprio perchè il settore si è sviluppato per rendere più semplice e veloce il lavoro di professionisti e amatori. In particolare, i diversi tipi di nastro si distinguono in base alla tipologia di superfici e alle condizioni climatiche di utilizzo: ecco quali possiamo trovare in commercio.

 

NASTRI PER MASCHERATURA DA INTERNI O DA ESTERNI

Il nastro adesivo dovrà avere caratteristiche diverse se le superfici da proteggere si trovano in ambienti interni oppure esterni. Il nastro per mascheratura da interni è il classico nastro di carta color giallo chiaro, potrà avere una tenuta standard e non avrà bisogno di alta resistenza all’umidità. Invece il nastro per mascheratura da esterni spesso è di colore azzurro o verde, e per avere una buona resistenza alle intemperie dovrà:

  • essere impermeabile;
  • resistere all’umidità;
  • resistere al calore;
  • avere buona aderenza su superfici ruvide.

 

NASTRI PER MASCHERATURA DI PRECISIONE

Quando si desidera creare profili perfetti ai bordi delle pareti o c’è bisogno di tracciare righe o stacchi senza sbavature è necessaria una precisione maggiore. In questi casi, ci si deve procurare un nastro mascherante da usare durante la verniciatura con un’ottima tenuta e che risulti impermeabile a tutti i tipi di pittura o smalto.
 


SCEGLIERE IL NASTRO PER MASCHERATURA IN BASE ALLA SUPERFICIE 

Un fattore molto importante da considerare quando andiamo a proteggere delle aree dalla tinteggiatura è il tipo di superficie. Potremmo aver bisogno di aderire su superfici delicate, ruvide o curve. In ognuno di questi casi abbiamo bisogno di caratteristiche specifiche:

  • le superfici delicate come il cartongesso o la carta da parati necessitano di un adesivo low tack, cioè con una bassa adesione. Questo tipo di nastri carta per mascheratura sono spesso di colore rosa chiaro;
  • le superfici ruvide si troviamo facilmente in ambienti esterni per cui serve un nastro per mascheratura da esterni con un’adesività marcata e una maggiore resistenza;
  • le superfici curve o spigolose richiedono un nastro crespato. Il nastro per mascheratura curvabile si adatta facilmente alle forme e protegge mobili dalle linee sinuose, archi, volte ecc. È facile trovarlo di color giallo ocra.
     

COME METTERE IL NASTRO PER MASCHERATURA PER IMBIANCARE

Prima di imbiancare è necessario coprire i pavimenti e tutte le zone che desideriamo proteggere da macchie e schizzi. Quando arriviamo a bordi e spigoli per ottenere un risultato ottimale non è importante solo il tipo di nastro che si utilizza ma anche una corretta applicazione: dunque, come si usa il nastro per la mascheratura? Ecco quindi come mettere il nastro per imbiancare:

  • Fase 1: pulire la zona su cui posare il nastro. Polvere, briciole o residui di altro genere riducono l’aderenza del nastro, dunque assicuriamoci che la superficie sia perfettamente pulita.
  • Fase2: asciugare la zona su cui posare il nastro. L’altro elemento che può ridurre l’aderenza è l’umidità: eliminiamola completamente prima di procedere.
  • Fase 3: dopo averlo applicato è necessario esercitare una pressione per tutta la lunghezza del nastro. Ci si deve assicurare che tutte le fessure vengano eliminate, altrimenti la vernice tenderà a introdursi rovinando il lavoro. 
     

COME RIMUOVERE IL NASTRO PER MASCHERATURA 

dimostrazione su come togliere il nastro per la mascheratura

Dopo la corretta applicazione del nastro di carta è possibile tinteggiare, preferendo l’utilizzo di un  pennello anziché del rullo nelle zone adiacenti ai bordi delimitati con il nastro. In questo modo si otterrà un risultato più preciso. Il momento più delicato a questo punto sarà la rimozione del nastro per mascheratura. Ecco alcuni consigli per ottenere un risultato perfetto.

  • rimuovere il nastro prima dell’asciugatura completa della vernice. In questo modo non si creeranno indurimenti che potrebbero far saltare piccole schegge di colore secco;
  • durante la rimozione mantenere un angolo tra la zona tinteggiata e il margine del nastro tra i 45 e 90 gradi, poiché si eviterà la formazione di residui;
  • per tutta l’operazione usare particolare lentezza e calma, senza creare strappi nettI
     

Seguendo i consigli appena visti sarà possibile effettuare una mascheratura perfetta e verniciare qualsiasi superficie senza sbavature: il segreto è scegliere il nastro per mascheratura Norton più adatto per le proprie esigenze.

 

SCARICA LA BROCHURE DEI NASTRI PER MASCHERATURA E RIPARAZIONE NORTON 2021